Era devastato ma determinato a salvare suo figlio dopo il terremoto. Questo è un miracolo!

Nel 1989, si verificò un terremoto di magnitudo 8,2 che quasi distrusse completamente l’Armenia, causando la morte di oltre 30.000 persone in soli 4 minuti. In mezzo alla devastazione e al caos, un padre lasciò sua moglie a casa e si diresse verso la scuola dove il loro figlio avrebbe dovuto trovarsi. Solo per trovarsi di fronte all’edificio completamente distrutto.

Dopo il primo shock, si ricordò della promessa fatta a suo figlio: “Non importa cosa succeda, sono sempre con te!” E le lacrime gli riempirono gli occhi. Guardando il disastro che era una volta una scuola, si sentì senza speranza. Ma continuava a ricordarsi della sua promessa.

L’uomo iniziò a concentrarsi e a ricordare dove portava suo figlio ogni mattina a scuola. Ricordò che la loro aula era nella parte destra dell’edificio. Si precipitò lì e iniziò a scavare tra le macerie. Mentre scavava, altri genitori infelici arrivarono, i loro cuori pieni di tristezza, dicendo: “Mio figlio!”, “Mia figlia!”

Altri genitori cercarono di farlo desistere da ciò che rimaneva della scuola:

“È troppo tardi!”

“Sono morti!”

“Non puoi fare niente!”

“Torna a casa!”

“Dai, affronta la realtà, non puoi fare nulla!”

“Farai solo peggio!”

Rispose a tutti con una sola frase: “Mi aiuterai ora, sì o no?” Poi iniziò a scavare per suo figlio, pietra dopo pietra. Il capo dei vigili del fuoco comparve e cercò di farlo uscire dalle macerie, dicendo: “Scoppiano incendi, ci sono esplosioni ovunque. Sei in pericolo. Noi ce ne occuperemo. Torna a casa!”

In risposta, questo amorevole e premuroso padre armeno chiese: “Mi aiuterai ora?”

La polizia arrivò e disse: “Sei pieno di rabbia e tristezza e tutto il resto, ovviamente. Metti gli altri in pericolo. Torna a casa. Possiamo occuparcene noi.” E l’uomo rispose: “Mi aiuterai?” Nessuno aiutò.

Scavò da solo coraggiosamente. Perché c’era solo una cosa che voleva scoprire da solo: “Mio figlio è vivo o morto?”

Scavò per 8 ore… 12 ore… 24 ore… 36 ore… poi, 38 ore dopo, spostò una roccia e sentì la voce di suo figlio. Gridò il suo nome: “Arman!”. E ottenne una risposta: “Papà!? Sono io, papà! Ho detto agli altri ragazzi di non impazzire! Ho detto loro che se tu fossi rimasto vivo, ci avresti aiutato. E quando ci hai salvato, sarebbero stati salvati anche loro. Hai promesso che, non importa cosa, saresti sempre con me! – L’hai fatto, papà!…”

“Cosa sta succedendo qui? Come?”

“Dei 33, ne sono rimasti in vita solo 14, papà. Abbiamo paura, fame, sete, e siamo grati che tu sia qui. Quando l’edificio è crollato, ha creato una cuneo, come un triangolo, e ci ha salvato.”

“Vieni fuori, figlio mio!”

“No, papà! Tira fuori prima gli altri ragazzi. So che aspetterai di salvarmi. Non importa cosa, so che sei sempre con me!”

Un uomo può essere un padre, ma per essere un padre, hai bisogno di qualcuno di speciale.

Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:

Vidéo


Vous pouvez également être intéressé