Il miliardario ha adottato 17 cuccioli e non si fermerà

Roman Avdeev è un noto banchiere e miliardario tra le prime 100 persone più ricche nella lista di Forbes.

Ma il principale impegno della sua vita non è il lavoro, bensì la sua numerosa famiglia.

Roman e sua moglie hanno 23 figli, di cui 17 sono adottati.

Il capofamiglia ha costruito diverse ville nella sua proprietà, dove ha allestito stanze giochi per i bambini, una sala cinema, una piscina e persino una pista da sci.

The billionaire has adopted 17 cubs – and isn't going to stop

l padre di molti piccoli si rammarica molto di non poter riunire tutta la famiglia: i giovani adulti studiano all’estero e quindi tornano a casa solo durante le lunghe vacanze.

Prima di decidere di adottare, Roman e sua moglie ci hanno pensato a lungo e si sono chiesti se potessero assumersi una così grande responsabilità.

“Con mia moglie abbiamo discusso a lungo: possiamo o non possiamo. Perché c’era una storia del genere: ho aiutato gli orfanotrofi per molto tempo, poi ho capito che non stava funzionando.

The billionaire has adopted 17 cubs – and isn't going to stop

Il punto di svolta è arrivato in uno degli orfanotrofi, dove mi chiesero di attrezzare la cucina. Accettai volentieri, poiché comprendo appieno quanto i più piccoli abbiano bisogno di abilità di autoprotezione.

Dopotutto, nell’orfanotrofio i bambini mangiano nella mensa e, a 18 anni, in pratica non sanno fare nulla: né sbucciare le patate, né lavare i piatti, né cucinare il borscht. E insegnare loro queste semplici abilità è necessario,” ha detto Roman.

The billionaire has adopted 17 cubs – and isn't going to stop

La comunicazione con gli studenti dell’orfanotrofio ha lasciato un’impressione indelebile sul miliardario. I più piccoli non sapevano nemmeno com’era lo zucchero – in mensa già ricevevano composta dolce e porridge dolce, quindi non vedevano mai lo zucchero normale.

“In quel momento ho chiaramente visto quale abisso separa i piccoli servi dagli orfani e che questo abisso non può essere colmato da nessuna cosa materiale. Nell’orfanotrofio, i bambini vivono in un sistema inventato dove tutto è fatto e deciso per loro.

The billionaire has adopted 17 cubs – and isn't going to stop

È più facile per gli adulti, ma non per i più piccoli. Quando crescono e lasciano le mura dell’orfanotrofio, si trovano faccia a faccia con un mondo totalmente incomprensibile per loro.

E quando ho capito finalmente questo, ho deciso che avrei sicuramente tirato fuori i piccoli da questo sistema. Sono convinto che solo in una famiglia si possa educare una persona completa, e dobbiamo tutti fare sforzi affinché il minor numero possibile di bambini rimanga negli orfanotrofi,” dice Roman.

The billionaire has adopted 17 cubs – and isn't going to stop

Secondo Roman, la cattiva eredità può essere superata con una buona e corretta educazione. Roman è anche felice di essere così fortunato con sua moglie. Su di lui gravano i problemi domestici e le faccende di casa.

Quando i piccoli Avdeev erano piccoli, c’erano 11 assistenti nella famiglia. E quando sono cresciuti, 8 persone si sono occupate di loro. Gli assistenti portano i piccoli a scuola, li aiutano con i compiti e svolgono alcune faccende domestiche.

Quando Roman ha tempo, fa matematica con i più piccoli. Si presta particolare attenzione all’inglese, che è diventata la loro seconda lingua.

Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:

Vidéo


Vous pouvez également être intéressé