Mia nonna ha rifiutato di fare riparazioni per 15 anni; non le resta molto tempo. Ma per i suoi 80 anni, abbiamo rimesso in ordine la sua stanza.

La mia nonna ottantenne ha rifiutato di ristrutturare la sua vecchia casa per 15 anni, dicendo che non le restava molto tempo. Tuttavia, i suoi nipoti l’hanno sorpresa. Quando è entrata in casa era senza parole. Piangeva solo dalla felicità…

È sempre stata così con noi, fin da quando posso ricordare, continuava a lamentarsi che non le restava molto tempo. Qualunque cosa le offrissimo, subito, perché ne avrebbe bisogno, sarebbe presto andata. Ero triste quando mio nonno è morto; è morto completamente giovane, subito dopo i 50 anni.

Fortunatamente, nonna, anche se non prevede di vivere a lungo, sta cercando di godersi appieno la vita: sparisce sempre da qualche parte con le sue amiche, non disdegna di comprare un nuovo cappello, si diverte a fare bricolage in dacia.

Qualunque cosa per essere ricordata come bella e con una parola gentile.

Così, con lamenti, è arrivata all’anniversario. E da 15 anni la persuadiamo a fare i lavori di ristrutturazione. All’inizio insisteva che tutto sarebbe stato come sotto il nonno. Poi ha concordato che suo nonno l’avrebbe costretta a fare i lavori, era ora. Ma ha dichiarato:

“Perché dovreste investire nei miei lavori di ristrutturazione se poi dovete rifare tutto per voi? Vivrò finché mi rimane, e poi farete ciò che volete”.

  

Piano piano l’abbiamo convinta almeno a fare una cucina, in modo che fosse sicura, luminosa e confortevole. Segretamente da mia nonna (l’hanno mandata in un sanatorio), hanno pulito il bagno.

E ora, citando nuovi standard e multe, l’hanno persuasa a cambiare i termosifoni nell’appartamento, supplicandola di accettare al contempo dei bei controsoffitti e almeno rinunciare al nuovo linoleum. Abbiamo pregato la nonna di accettare i nuovi mobili, ma tutto ciò che abbiamo richiesto è stato di cambiare la carta da parati che una volta aveva incollato con suo nonno. Sono finalmente sbiaditi e si stanno spellando abbastanza.

    

Abbiamo raschiato via questo splendore antico, stuccato e preparato le pareti.

Poi abbiamo rimosso la spazzatura dall’appartamento. Silenziosamente, abbiamo controllato l’impianto elettrico e spostato gli interruttori qui e là in una posizione più comoda.

Abbiamo stuccato le ombre, prima lo stucco base, poi lo stucco di finitura, e abbiamo applicato la base. È un peccato che non siamo riusciti a metterci d’accordo con i vicini sul collettore, ma alla fine abbiamo sostituito i termosifoni della nonna.

Quando i muri sono stati completamente asciutti, li abbiamo carteggiati, dipinti il soffitto e decorato con battiscopa.

La carta da parati che abbiamo scelto era affidabile, vinilica su supporto non tessuto. Abbiamo deciso che sarebbe stato moderno e fresco se avessimo fatto solo una parete a motivo, e il resto fosse liscio.

   

E poi è successo un miracolo. Nonna potrebbe tenersi stretti i vecchi armadi in memoria di nonno (e non li ha nemmeno spostati, dato che il pavimento era tagliato per loro), ma ha accettato un nuovo divano! E non se n’è pentita, ora il suo caro è felice, e noi siamo più tranquilli per lei.

Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:

Vidéo


Vous pouvez également être intéressé