Una bambina con una deformità alla gamba è stata abbandonata dalla madre nel reparto maternità; 💔 si è ripresa ed è diventata una campionessa! 👏

Quando una giovane diciassettenne di Irkutsk ha preso la difficile decisione di rinunciare alla sua bambina a causa delle sue gambe immature, ha inconsapevolmente aperto la strada a un viaggio eccezionale. Storie del genere sono rare, ma Tanya è stata fortunata. Nonostante la sua condizione congenita, è diventata una nuotatrice celebre negli USA, vincendo vari premi ai Giochi Paralimpici.

Oleg e Natalia erano ragazzi semplici quando hanno saputo dell’arrivo imminente. Oleg, a sedici anni, e Natalia, a diciassette, hanno affrontato la dura realtà di accogliere una bambina nata prematuramente, senza tibie, caviglie o talloni. Non preparati a prendersi cura di una bambina con disabilità e incontrando restrizioni da parte della madre di Natalia, la coppia ha preso la difficile decisione di dare in adozione la loro bambina.

Nonostante i consigli ricevuti da tutte le parti, la giovane madre ha portato la piccola Tanya in un orfanotrofio con l’intenzione di riprenderla una volta che fossero stati finanziariamente stabili e in grado di fornire cure adeguate. Tuttavia, il destino è intervenuto quando una famiglia americana si è fatta avanti.

Stephen ed Elizabeth Long hanno adottato la bambina, ribattezzandola Jessica, e l’hanno colmata di amore, dedizione e risorse. Nonostante gli interventi di amputazione delle gambe fino alle ginocchia, Jessica è fiorita sotto le loro cure, adattandosi rapidamente alla vita nella sua nuova famiglia americana. Incoraggiata dai suoi genitori adottivi, ha abbracciato lo sport ed eccelso nel nuoto insieme ai suoi fratelli.

I suoi genitori hanno riconosciuto il talento di Jessica e l’hanno iscritta a programmi sportivi dove si allenava insieme a bambini normodotati. Col tempo, Jessica ha guadagnato un posto nella squadra paralimpica, debuttando ai Giochi del 2004 ad Atene. La sua prestazione eccezionale, con tre medaglie d’oro, ha catturato l’attenzione mondiale. I successivi Giochi Paralimpici di Londra hanno consolidato il suo status di sensazione nel nuoto.

In una fortunata svolta degli eventi, i viaggi di Jessica l’hanno riportata in Russia quando un giornalista si è offerto di aiutarla a trovare i suoi genitori biologici. L’incontro con Oleg e Natalia, che erano ancora insieme a crescere la loro famiglia, si è rivelato essere un incontro commovente. Nonostante fossero all’oscuro dei successi di Jessica, hanno celebrato il suo trionfo.


Negli anni, Jessica ha continuato a battere record e ha trovato l’amore, celebrando un decennio dal loro incontro con il suo matrimonio. La sua storia è una testimonianza di resilienza, determinazione e del potere dei legami familiari.

Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:

Vidéo